venerdì

La Costellazione di ORIONE

La costellazione di Orione è una tipica costellazione visibile nella stagione fredda.
Si tratta di una costellazione equatoriale che presenta una forma molto ben riconoscibile a clessidra, con una cintura centrale costituita da tre piccole stelle allineate.
La nebulosa di Orione è una delle più belle e spettacolari di tutto l’emisfero boreale anche se, a causa della sua posizione prossima all’equatore celeste, essa può essere vista da qualsiasi parte della Terra ad esclusione dei due poli.
Vi sono contenute tre delle ventiquattro stelle più luminose del cielo:
Betelgeuse, Rigel e Bellatrix.
Queste tre stelle, insieme a Saiph, costruiscono un quadrilatero che rappresenterebbe poi la sagoma di Orione. Alfa Orionis è Betelgeuse, che in arabo significa spalla.
Si tratta di una stella gigante rossa di tipo spettrale M2, distante 270 anni luce.
La sua temperatura superficiale è di circa 3200 gradi kelvin ed il suo diametro è pari a 400 volte quello del Sole.
Beta Orionis è detta anche Rigel (il piede del cacciatore Orione).
Il diametro di Rigel è 19 volte quello del Sole e la sua luminosità è 25.000 volte maggiore.
La distanza dalla Terra è di circa 650 anni luce. Gamma Orionis, o Bellatrix (che in latino significa “la guerriera”) è una stella distante dalla Terra 250 anni luce.
Le tre stelle della cintura centrale di Orione sono Alnilam, Alnitak e Mintaka (“Cintura”).
La costellazione di Orione ospita diversi ammassi aperti.
La Nebulosa di Orione è una nebulosa gassosa distante 1500 anni luce dalla Terra. Il diametro apparente di questa enorme nube di idrogeno, scoperta nel 1610 dall’astronomo Peiresc è di 3 gradi circa
Appena visibile con un binocolo, la Nebulosa di Orione possiede in realtà una massa totale pari a 10 masse solari.
Poco più in basso a destra di Alnitak (una delle stelle della cintura di Orione) troviamo la famosa Nebulosa Testa di cavallo, non visibile ad occhio nudo.
Si tratta di una nebulosa oscura, distante 1600 anni luce, detta anche Barnard33.
Il diametro apparente della nebulosa Testa di cavallo è di 4 minuti primi d’arco.
Intorno alla seconda metà di Ottobre la costellazione di Orione sembra riversare sulla Terra uno sciame meteorico piuttosto generoso, detto delle “orionidi”,
che gli astronomi mettono in relazione con i vari passaggi della
Cometa di Halley.
Oggetti più importanti:
Alpha Orionis, ovvero Betelgeuse, marca la parte iniziale del braccio destro di Orione. Beta Orionis, ovvero Rigel, marca il ginocchio sinistro di Orione ed è una delle stelle più brillanti tra quelle conosciute (è la sesta più luminosa)
Attualmente Rigel è luminosa quanto Betelgeuse al suo massimo nonostante disti da noi quasi il doppio (900 anni luce)
Questo perché è una stella ancora giovane.
Rigel è in realtà una stella doppia ma la compagna non è facilmente visibile a causa della grande brillantezza di Rigel.
Gamma Orionis, nota come Bellatrix, marca la spalla destra di Orione
Dista da noi la metà di Rigel ma è 25 volte meno luminosa di quest'ultima.

4 commenti:

Josefina ha detto...

vieni a visitare il mio sito

Ty ha detto...

Bhè vedo che abbiamo un'altra passione in comune.....il cielo!
Ho portato un sacco di volte mio figlio agli incontri di osservazione! Come stai?Qui continua a nevicare...non se ne può più oltretutto oggi fa un freddo! Volevamo andare a sciare in pista...invece..non se ne fa niente,tanto meno con le ciastre...è nuvoloso e questa sera ricomincerà a nevicare!Uffffff.... voglio l'estaeeeeeeee.......!!!!!!!!

Alex Vieri ha detto...

Per Ty Vuoi l'estate?? Ma se il bello è appena cominciato!!! Nevica anche da me.... Domani vado in pista al Corno alle Scale, le piste di Alberto Tomba. Speriamo nel tempo discreto almeno, sennò saremo limitati solo a fare salti vicino alla seggiovia del Campo Scuola.... Per quanto riguarda l'astronomia, ho un amico astronomo e tempo fa ho seguito un corso da lui... L'altra sera, tornando a casa, ho visto nel cielo Orione. Da li l'idea del post... Perchè non far conoscere anche ad altri le bellezze che il nostro mondo e in particolare il cielo ci offre??? Un grosso saluto.... Aklex

Ty ha detto...

Uuuuuu...e allora non la vuoi più la mia neve? Uff...
D'estate verso la metà di agosto ci prendiamo la nostra tendina e andiamo a dormire su ad un colle parecchio alto e li guardiamo imbrunire mangiando un preparato schifosissimo di minestra...che però lassù è buonissimo...e poi osserviamo il cielo. Pazzesco!Sembra che le stelle ti piovino addosso!Peccato che dalle nostre città non si vede più nulla a causa dell'inquinamento luminoso!!!!